Volkswagen Leasing

Il miglior outsourcing è quello fatto in casa!

Volkswagen Leasing, con oltre 500.000 veicoli, è una delle principali società di noleggio in Europa: il punto di riferimento più sicuro per la multinazionale come per il cliente privato.
E’ controllata interamente da Volkswagen Financial Services AG, holding finanziaria del Gruppo Volkswagen, Gruppo che cura direttamente la produzione, la commercializzazione e l’assistenza delle auto e dei veicoli commerciali a disposizione dei Clienti.
Volkswagen Leasing nasce in Italia nell’agosto del 1998 ed è operativa, con la Sede di Milano, dall’aprile del 1999 come filiale dell'omonima società tedesca fondata in Germania dal 1966.

La società garantisce nel settore del Noleggio a Lungo Termine i valori che i nostri brand rappresentano in campo automobilistico, unendo ai vantaggi dell’outsourcing la sicurezza e la serietà di un grande e rodato gruppo automobilistico.

Modello Organizzativo di Gestione e Controllo

Il Decreto Legislativo 08 giugno 2001, n. 231 ha introdotto nell'ordinamento italiano un complesso regime sanzionatorio che configura forme di responsabilità amministrativa degli enti/istituzioni per reati commessi nei loro interessi o a loro vantaggio da soggetti in posizione apicale ovvero da soggetti sottoposti all'altrui direzione. L'introduzione nell'ordinamento giuridico italiano di questo nuovo Decreto ha apportato quindi diverse novità in tema di responsabilità e introduce per la prima volta nell'ordinamento italiano la responsabilità 'amministrativa' degli Enti relativamente alla commissione dei reati specificatamente indicati dal legislatore. Il decreto ha introdotto nel sistema giuridico italiano una forma di responsabilità oggettiva a carico degli Enti che traggono vantaggio da alcune precise tipologie di reato commesse da amministratori, dirigenti, dipendenti, etc.. inserendosi in un contesto internazionale che ha superato il principio di 'non imputabilità penale delle persone giuridiche'. Coniuga i tratti essenziali del sistema penale e di quello amministrativo, assoggettando l'azienda/persona giuridica ad un procedimento dalle caratteristiche sostanziali di quello penale (iscrizione nel registro degli indagati, rinvio a giudizio, ecc..), nel corso del quale l'azienda stessa dovrà provare la sua estraneità al reato, con possibile applicazione di sanzioni amministrative (pecuniarie e interdittive). Ha di fatto imposto alle imprese, a valle delle prime applicazioni del Decreto da parte della Magistratura, di adeguare i propri sistemi di governance, organizzativi e di controllo orientandoli ad un più efficace presidio della 'criminalità economica', rispondendo così alle attese del legislatore e, più in generale, alle aspettative di una sempre più matura Responsabilità sociale d'impresa. In caso di commissione dei reati disciplinati dal D.Lgs. 231/2001, se il reato é stato commesso dai soggetti sottoposti alla direzione o vigilanza delle persone in posizione apicale, la società non ne risponde se prova che:

  • ha adottato un Modello di organizzazione, gestione e controllo idoneo a prevenire reati analoghi a quelli verificatisi;
  • ha efficacemente adempiuto agli obblighi di direzione e vigilanza.
In questo caso, in presenza di un modello di organizzazione, sarà la pubblica accusa a dover dimostrare la mancata adozione e l'efficace attuazione ovvero l'inidoneità del modello a prevenire i reati. Volkswagen Leasing ha implementato il proprio Modello Organizzativo di Gestione e Controllo (MOGC) in ottemperanza a quanto prescritto dal Decreto e diffuso il Codice Etico Aziendale, con l'obiettivo di integrare l'attuale sistema organizzativo e di controllo interno al fine di:
  • rendere consapevoli tutte le persone facenti parte della struttura aziendale, sia di governo sia esecutiva, che eventuali comportamenti illeciti possono comportare sanzioni penali e amministrative sia per il singolo che per l'azienda;
  • garantire la correttezza dei comportamenti dell'azienda e delle persone che la rappresentano, nel completo rispetto della normativa esterna e interna;
  • rafforzare meccanismi di controllo, monitoraggio e sanzionatori atti a contrastare la commissione di reati;
  • enfatizzare le scelte in materia di conformità, di etica, di trasparenza, di correttezza;
  • affidare a un 'Organismo di Vigilanza' costituito e regolamentato ad hoc, il compito di vigilare sul funzionamento e l'osservanza del Modello.

ABSTRACT MOGC